SPEDIZIONE GRATUITA PER ORDINI SUPERIORI A 300€
icon account p

Carrello

Checkout sicuro
icon cart bottle wi
0

icon account p

Carrello

Secure checkout
icon cart bottle wi
0
chardonnay
PREMI E RICONOSCIMENTI

Alto Adige DOC "Chardonnay" 2022 - Alois Lageder

13,50 

Bianco dell'Alto Adige, morbido, fresco e articolato, ottenuto dalla vinificazione in acciaio di uve Chardonnay. Eccellente aperitivo, si abbina a meraviglia ad antipasti leggeri a base di pesce o crostacei.

3 disponibili

disponibilità immediata

Informazioni aggiuntive

Tipologia vino

Vino Bianco

Vitigno

100% Chardonnay

Denominazione

Alto Adige DOC

Annata

2022

Abbinamenti

Aperitivo, Antipasti, Pasta, Pesce, Crostacei, Pollame

Allergeni

Solfiti

Formato

Bottiglia 0,75l

Regione

Trentino-Alto Adige

Stato

Italia

Gradazione alcolica  12,5%
DESCRIZIONE
note di degustazione
INFO AGGIUNTIVE

Località

Vigneti selezionati a Magrè, Salorno, Cortaccia e Pochi.

Terreni

Suoli sabbiosi, ghiaiosi e molto calcarei.

Altitudine

230-500 metri s.l.m.

Metodo produttivo

Fermentazione a temperatura controllata in acciaio.

Affinamento sulle fecce fini e sui lieviti in acciaio per circa 4 mesi.

Colore giallo paglierino brillante e limpido, con riflessi verdognoli.

Al naso regala un bouquet fresco e fruttato, con aromi di pesca, melone, agrumi, accanto a sentori floreali e note minerali.

All'assaggio si presenta morbido, secco, equilibrato, di corpo medio e fruttato. Retrogusto di media persistenza.

Temperatura di servizio 8-10°
Quando berlo  Puoi berlo subito o conservarlo in cantina per un paio d'anni
Alois Lageder

La storia dell'azienda ebbe inizio nel 1823, allorché Johann Lageder, apprendista artigiano, cominciò a commerciare in vini a Bolzano. I suoi figli e nipoti decisero di acquistare dei vigneti e produrre essi stessi del vino. Alois III, pronipote del capostipite, capì che la varietà climatica dell’Alto Adige poteva diventare un fattore vincente, e nel 1934 acquistò la tenuta Löwengang di Magrè, nella parte meridionale dell´Alto Adige. Fu lì e in altri villaggi che fece installare dei torchi per produrre vino, e ben presto anche diversi viticoltori cominciarono a conferirgli le proprie uve. Nel 1963, Alois III morì improvvisamente, quando il figlio Alois IV aveva solo 12 anni. Toccò quindi a sua moglie Christiane e alla figlia maggiore Wendelgard rilevare provvisoriamente l’azienda paterna, finché il fratello Alois IV, a metà degli anni Settanta, prese in mano la tenuta insieme a sua sorella e suo marito ed enologo cognato Luis von Dellemann. Da quel momento, introdusse severi criteri di qualità, adottando al tempo stesso dei metodi innovativi nei vigneti e in cantina, che gli valsero un posizionamento più elevato sul mercato. Applicando i principi del metodo biologico-dinamico, la tenuta coltiva oggi 55 ettari.

ABBINAMENTI PERFETTI

Aperitivi
Crudo di gamberi
Terrine di pesce

Prodotti correlati

Visa Mastercard American Express PayPal Diners Club Discover

Copyright © 2023 - Enoteca Maggiolini - Tutti i diritti riservati - Via Novara, 19 Bareggio - P.IVA 04331790966 - Credits by Futuraweb srl

heartmagnifiercrossmenu